Greenaction Transnational

Greenaction Transnational

Official Website
Chi Siamo

GREENACTION TRANSNATIONAL è un’organizzazione transnazionale indipendente e senza fini di lucro per la difesa dell’ambiente, dei diritti dell’uomo e dei diritti degli animali, fondata nel 2007 a Trieste:

  • Greenaction (azione verde) perché per affrontare e risolvere i problemi dell’ambiente, dei diritti dell’uomo e dei diritti degli animali non bastano più le parole o le intenzioni, ma occorre l’azione concreta, decisa, continua e solidale di tutti, con gli strumenti etici e pratici della democrazia, della legalità, della cultura, della scienza e dell’informazione;
  • transnazionale perché la sovrappopolazione, l’inquinamento ed il surriscaldamento del pianeta, la distruzione delle sue risorse non rinnovabili, le degradazioni sociali, le violazioni dei diritti dell’uomo e dei diritti degli animali sono ormai problemi incombenti evitali per tutti, al di sopra di ogni dimensione nazionale e locale;
  • indipendente, perché la necessità e l’urgenza di affrontare questi problemi globali, vitali e concreti hanno un’evidenza scientifica ed etica che supera qualsiasi illusione ideologica e qualsiasi interesse di parte politica;
  • fondata a Trieste, perché questa città europea di terra e di mare è un crocevia storico ed attuale di nazioni, persone, idee ed istituzioni scientifiche tra il nord ed il sud, l’oriente e l’occidente del pianeta.

Chi desidera sostenere l’organizzazione può farlo liberamente con la propria attività, con le proprie idee e con donazioni; gli aiuti in denaro possono essere versati in Italia sul nostro conto corrente postale n. 83762187 con la causale “contributo di sostegno”.

Chi desidera iscriversi (quota annuale 25,00 €) può inviare la propria richiesta a Greenaction Transnational – Piazza della Borsa, 7 – 34121 Trieste, e-mail: info@greenaction-transnational.org

News
Canale Video

Montedoro la collina dei veleini

L\'inquinamento dell\'ipogeo all\'ex discarica di Trebiciano

Dietro le discariche del Territorio Libero di Trieste

Ex discarica di Trebiciano

La discarica nel pozzo dei Colombi

La discarica di Porto San Rocco - Muggia

L"inquinamento a Porto San Rocco

La discarica di Porto San Rocco

Nella discarica di Trebiciano

La discarica di Trebiciano

La discarica "Acquario"

No terminal gas nel porto di Trieste

Conferenza stampa su rigassificatore di Zaule

Inquinamento Carso triestino

Discariche di aminato sul Carso

Discarica di Trebiciano

I depositi militari dismessi sul carso triestino

Rifiuti radioattivi sul Carso

Il pozzo del Cristo

Trebiciano: la grotta di idrocarburi

Deep karst

Trieste: discarica di diossina in zona balneare

MARGHERITA HACK CON GREENACTION TRANSNATIONAL

Veleni industriali e violazione legge Seveso

Cemento sulla costiera triestina

Inquinamento a Taranto

Rifiuti campani nell"inceneritore di Trieste

L"idebitamento di Acegas-Aps

Manifestazione di protesta alla Barcolana

Stop CO2

Treno di rifiuti campani

No rifiuti campani

Grado: senza depurazione delle acque reflue

Carico di rifiuti radioattivi nel porto di Trieste

Rigassificatore, legge Seveso e pubblica sicurezza: quanto ne sappiamo? 1/3

Rigassificatore, legge Seveso e pubblica sicurezza: quanto ne sappiamo? 2/3

Rigassificatore, legge Seveso e pubblica sicurezza: quanto ne sappiamo? 3/3

Il rigassificatore di Zaule

La ferriera di Servola

 

Documentari

Trailer Pollution
Il documentario sul disastro ambientale nel Territorio Libero di Trieste
Pollution. Il disastro ambientale nel Territorio Libero di Trieste
PRIMA PUNTATA - Pollution - Il disastro ambientale nel Territorio Libero di Trieste. Documentario sull\'inquinamento ambientale nel Territorio Libero di Trieste. In questa prima puntata parliamo delle discariche di Trebiciano e di Fernetti. Con sottotitoli in inglese.
Pollution. Il disastro ambientale nel Territorio Libero di Trieste
SECONDA PUNTATA - Pollution, il disastro ambientale nel territorio libero di Trieste. Trebiciano. Seconda parte del documentario sull’inquinamento ambientale nel Territorio Libero di Trieste. In questa prima puntata si concentra sulla discarica di Trebiciano. Con sottotitoli in inglese.

 

Inquinamento del mare

La discarica di Porto San Rocco - Muggia
Intervista a Roberto Giurastante sul grave problema di salute pubblica e ambientale causato dall"inquinamento transfrontaliero della discarica di Porto San Rocco, Muggia, poco distante dal confine con la Slovenia.Con comunicazione del 17 luglio la Direzione Generale Ambiente della Commissione Europea ha confermato la procedura di infrazione nei confronti dell’Italia per la discarica di Porto San Rocco a Muggia. La discarica a mare era stata realizzata occultandovi 18 mila metri cubi di rifiuti tossico nocivi (idrocarburi policiclici aromatici, policlorobifenile, metalli pesanti) e costruendovi sopra una collina artificiale (Parco delle Vele) con annessa spiaggia sottostante.La pericolosa discarica veniva denunciata da Greenaction Transnational all’autorità giudiziaria italiana (Procura della Repubblica di Trieste) sin dal 2003 ma senza alcun risultato. Il Tribunale di Trieste dichiarava la prescrizione del reato il 4 gennaio del 2006 senza riconoscere la continuazione dell’inquinamento in corso. Assolti così, senza essere nemmeno rinviati a giudizio, gli autori di questo pericoloso avvelenamento pubblico.
L"inquinamento a Porto San Rocco
Se c’è un Comune che rappresenta bene la drammatica situazione di inquinamento ambientale del Territorio Libero di Trieste, questo è certamente Muggia. Si tratta del Comune più meridionale dell’attuale Territorio Libero di Trieste, al confine con la Slovenia. Tredici chilometri quadrati e tredicimila abitanti, con il 20% della superficie inquinata. Questi i numeri. Numeri da rabbrividire: 1/5 del territorio trasformato in discariche. E che discariche… qui parliamo di rifiuti tossici, quelli che contaminano l’ambiente in maniera spesso irreversibile e ne fanno terra bruciata, avvelenando anche la popolazione.La realizzazione del marina turistico di Porto San Rocco era anche servita a coprire un vasto sistema di smaltimento illecito dei rifiuti che avevano portato alla realizzazione di più discariche. Una di queste era stata realizzata all’interno del marina occultando 18.000 metri cubi di rifiuti pericolosi (fanghi industriali) inserendoli in una membrana di materiale plastico che venne sigillata, e seppellendo il tutto sotto una collina artificiale sulla quale venne realizzata un’area verde e un parco giochi per bambini; il tutto in prossimità delle case turistiche appena costruite. La membrana di polietilene in cui si trovano ancora i rifiuti aveva una garanzia di dieci anni per la tenuta, scaduta nel 2009.
La discarica di Porto San Rocco
Se c’è un Comune che rappresenta bene la drammatica situazione di inquinamento ambientale del Territorio Libero di Trieste, questo è certamente Muggia. Si tratta del Comune più meridionale dell’attuale Territorio Libero di Trieste, al confine con la Slovenia. Tredici chilometri quadrati e tredicimila abitanti, con il 20% della superficie inquinata. Questi i numeri. Numeri da rabbrividire: 1/5 del territorio trasformato in discariche. E che discariche… qui parliamo di rifiuti tossici, quelli che contaminano l’ambiente in maniera spesso irreversibile e ne fanno terra bruciata, avvelenando anche la popolazione.La realizzazione del marina turistico di Porto San Rocco era anche servita a coprire un vasto sistema di smaltimento illecito dei rifiuti che avevano portato alla realizzazione di più discariche. Una di queste era stata realizzata all’interno del marina occultando 18.000 metri cubi di rifiuti pericolosi (fanghi industriali) inserendoli in una membrana di materiale plastico che venne sigillata, e seppellendo il tutto sotto una collina artificiale sulla quale venne realizzata un’area verde e un parco giochi per bambini; il tutto in prossimità delle case turistiche appena costruite. La membrana di polietilene in cui si trovano ancora i rifiuti aveva una garanzia di dieci anni per la tenuta, scaduta nel 2009.
Trieste: discarica di diossina in zona balneare
La discarica è stata realizzata dal Comune di Trieste in piena zona balneare, occupa una superficie di 90.000 metri quadrati e vi si trovano diossina, fanghi industriali e idrocarburi. Dopo un"inchiesta durata due anni la Procura della Repubblica di Trieste ha dissequestrato l"area e ottenuto dal Tribunale di Trieste l"archiviazione dell"inchiesta senza individuare alcun responsabile. Il reato sarebbe prescritto. L"inquinamento invece rimane e continua a produrre i suoi effetti.
La discarica "Acquario"
Continua la campagna di sensibilizzazione del Movimento Trieste Libera per far conoscere ai cittadini del TLT la drammatica situazione di inquinamento nel loro territorio.La seconda tappa dei volontari del Movimento è Muggia: Fabio Longo è stato tra i primi, assieme a Roberto Giurastante, a denunciare questa pericolosa discarica in attesa di bonifica.Nel 1998-2001 è stata invece realizzata proprio nel Comune di Muggia la discarica inquinante a mare del terrapieno “Acquario”, con licenze di destinazione ad impianti balneari e turistici ma usata per scaricare a costo zero rifiuti tossico-nocivi scavati nei lavori di trasformazione del vicino ex cantiere navale San Rocco nell’omonimo porto e villaggio turistico (con collinetta di altri rifiuti tossici sulla spiaggia, per i giochi dei bambini).Benché le discariche a mare siano vietate per legge, questa venne autorizzata e comunque consentita da tutte le autorità che avrebbero dovuto impedirla (Comune, Provincia e Regione, ecc.), e quando degli allevatori di mitili protestarono la Capitaneria di Porto li sottopose a ispezione e minacciò per iscritto la revoca della concessione perché gli impianti balneari previsti sarebbero stati d’interesse pubblico prevalente.Nessuna di queste autorità ha inoltre vigilato su cosa venisse effettivamente scaricato nel terrapieno, infine sequestrato nel 2003 su denuncia degli Amici della Terra. In un primo processo, nei confronti dei corresponsabili privati ma non di quelli pubblici, è emerso pure che parte dei rifiuti tossici di San Rocco venivano scaricati alle Noghere (ancora!) ed altrove.

 

Contatti

ULTIME NEWS

Leggi le ultime news che raccontano la nostra attività.

Campagna Inquinamento

Tutti i contributi sulla Campagna Inquinamento li trovate qui

Canale Video

Montedoro la collina dei veleini

L\'inquinamento dell\'ipogeo all\'ex discarica di Trebiciano

Dietro le discariche del Territorio Libero di Trieste

Ex discarica di Trebiciano

La discarica nel pozzo dei Colombi

La discarica di Porto San Rocco - Muggia

L"inquinamento a Porto San Rocco

La discarica di Porto San Rocco

Nella discarica di Trebiciano

La discarica di Trebiciano

La discarica "Acquario"

No terminal gas nel porto di Trieste

Conferenza stampa su rigassificatore di Zaule

Inquinamento Carso triestino

Discariche di aminato sul Carso

Discarica di Trebiciano

I depositi militari dismessi sul carso triestino

Rifiuti radioattivi sul Carso

Il pozzo del Cristo

Trebiciano: la grotta di idrocarburi

Deep karst

Trieste: discarica di diossina in zona balneare

MARGHERITA HACK CON GREENACTION TRANSNATIONAL

Veleni industriali e violazione legge Seveso

Cemento sulla costiera triestina

Inquinamento a Taranto

Rifiuti campani nell"inceneritore di Trieste

L"idebitamento di Acegas-Aps

Manifestazione di protesta alla Barcolana

Stop CO2

Treno di rifiuti campani

No rifiuti campani

Grado: senza depurazione delle acque reflue

Carico di rifiuti radioattivi nel porto di Trieste

Rigassificatore, legge Seveso e pubblica sicurezza: quanto ne sappiamo? 1/3

Rigassificatore, legge Seveso e pubblica sicurezza: quanto ne sappiamo? 2/3

Rigassificatore, legge Seveso e pubblica sicurezza: quanto ne sappiamo? 3/3

Il rigassificatore di Zaule

La ferriera di Servola

 

Documentari

Trailer Pollution
Il documentario sul disastro ambientale nel Territorio Libero di Trieste
Pollution. Il disastro ambientale nel Territorio Libero di Trieste
PRIMA PUNTATA - Pollution - Il disastro ambientale nel Territorio Libero di Trieste. Documentario sull\'inquinamento ambientale nel Territorio Libero di Trieste. In questa prima puntata parliamo delle discariche di Trebiciano e di Fernetti. Con sottotitoli in inglese.
Pollution. Il disastro ambientale nel Territorio Libero di Trieste
SECONDA PUNTATA - Pollution, il disastro ambientale nel territorio libero di Trieste. Trebiciano. Seconda parte del documentario sull’inquinamento ambientale nel Territorio Libero di Trieste. In questa prima puntata si concentra sulla discarica di Trebiciano. Con sottotitoli in inglese.

 

Inquinamento del mare

La discarica di Porto San Rocco - Muggia
Intervista a Roberto Giurastante sul grave problema di salute pubblica e ambientale causato dall"inquinamento transfrontaliero della discarica di Porto San Rocco, Muggia, poco distante dal confine con la Slovenia.Con comunicazione del 17 luglio la Direzione Generale Ambiente della Commissione Europea ha confermato la procedura di infrazione nei confronti dell’Italia per la discarica di Porto San Rocco a Muggia. La discarica a mare era stata realizzata occultandovi 18 mila metri cubi di rifiuti tossico nocivi (idrocarburi policiclici aromatici, policlorobifenile, metalli pesanti) e costruendovi sopra una collina artificiale (Parco delle Vele) con annessa spiaggia sottostante.La pericolosa discarica veniva denunciata da Greenaction Transnational all’autorità giudiziaria italiana (Procura della Repubblica di Trieste) sin dal 2003 ma senza alcun risultato. Il Tribunale di Trieste dichiarava la prescrizione del reato il 4 gennaio del 2006 senza riconoscere la continuazione dell’inquinamento in corso. Assolti così, senza essere nemmeno rinviati a giudizio, gli autori di questo pericoloso avvelenamento pubblico.
L"inquinamento a Porto San Rocco
Se c’è un Comune che rappresenta bene la drammatica situazione di inquinamento ambientale del Territorio Libero di Trieste, questo è certamente Muggia. Si tratta del Comune più meridionale dell’attuale Territorio Libero di Trieste, al confine con la Slovenia. Tredici chilometri quadrati e tredicimila abitanti, con il 20% della superficie inquinata. Questi i numeri. Numeri da rabbrividire: 1/5 del territorio trasformato in discariche. E che discariche… qui parliamo di rifiuti tossici, quelli che contaminano l’ambiente in maniera spesso irreversibile e ne fanno terra bruciata, avvelenando anche la popolazione.La realizzazione del marina turistico di Porto San Rocco era anche servita a coprire un vasto sistema di smaltimento illecito dei rifiuti che avevano portato alla realizzazione di più discariche. Una di queste era stata realizzata all’interno del marina occultando 18.000 metri cubi di rifiuti pericolosi (fanghi industriali) inserendoli in una membrana di materiale plastico che venne sigillata, e seppellendo il tutto sotto una collina artificiale sulla quale venne realizzata un’area verde e un parco giochi per bambini; il tutto in prossimità delle case turistiche appena costruite. La membrana di polietilene in cui si trovano ancora i rifiuti aveva una garanzia di dieci anni per la tenuta, scaduta nel 2009.
La discarica di Porto San Rocco
Se c’è un Comune che rappresenta bene la drammatica situazione di inquinamento ambientale del Territorio Libero di Trieste, questo è certamente Muggia. Si tratta del Comune più meridionale dell’attuale Territorio Libero di Trieste, al confine con la Slovenia. Tredici chilometri quadrati e tredicimila abitanti, con il 20% della superficie inquinata. Questi i numeri. Numeri da rabbrividire: 1/5 del territorio trasformato in discariche. E che discariche… qui parliamo di rifiuti tossici, quelli che contaminano l’ambiente in maniera spesso irreversibile e ne fanno terra bruciata, avvelenando anche la popolazione.La realizzazione del marina turistico di Porto San Rocco era anche servita a coprire un vasto sistema di smaltimento illecito dei rifiuti che avevano portato alla realizzazione di più discariche. Una di queste era stata realizzata all’interno del marina occultando 18.000 metri cubi di rifiuti pericolosi (fanghi industriali) inserendoli in una membrana di materiale plastico che venne sigillata, e seppellendo il tutto sotto una collina artificiale sulla quale venne realizzata un’area verde e un parco giochi per bambini; il tutto in prossimità delle case turistiche appena costruite. La membrana di polietilene in cui si trovano ancora i rifiuti aveva una garanzia di dieci anni per la tenuta, scaduta nel 2009.
Trieste: discarica di diossina in zona balneare
La discarica è stata realizzata dal Comune di Trieste in piena zona balneare, occupa una superficie di 90.000 metri quadrati e vi si trovano diossina, fanghi industriali e idrocarburi. Dopo un"inchiesta durata due anni la Procura della Repubblica di Trieste ha dissequestrato l"area e ottenuto dal Tribunale di Trieste l"archiviazione dell"inchiesta senza individuare alcun responsabile. Il reato sarebbe prescritto. L"inquinamento invece rimane e continua a produrre i suoi effetti.
La discarica "Acquario"
Continua la campagna di sensibilizzazione del Movimento Trieste Libera per far conoscere ai cittadini del TLT la drammatica situazione di inquinamento nel loro territorio.La seconda tappa dei volontari del Movimento è Muggia: Fabio Longo è stato tra i primi, assieme a Roberto Giurastante, a denunciare questa pericolosa discarica in attesa di bonifica.Nel 1998-2001 è stata invece realizzata proprio nel Comune di Muggia la discarica inquinante a mare del terrapieno “Acquario”, con licenze di destinazione ad impianti balneari e turistici ma usata per scaricare a costo zero rifiuti tossico-nocivi scavati nei lavori di trasformazione del vicino ex cantiere navale San Rocco nell’omonimo porto e villaggio turistico (con collinetta di altri rifiuti tossici sulla spiaggia, per i giochi dei bambini).Benché le discariche a mare siano vietate per legge, questa venne autorizzata e comunque consentita da tutte le autorità che avrebbero dovuto impedirla (Comune, Provincia e Regione, ecc.), e quando degli allevatori di mitili protestarono la Capitaneria di Porto li sottopose a ispezione e minacciò per iscritto la revoca della concessione perché gli impianti balneari previsti sarebbero stati d’interesse pubblico prevalente.Nessuna di queste autorità ha inoltre vigilato su cosa venisse effettivamente scaricato nel terrapieno, infine sequestrato nel 2003 su denuncia degli Amici della Terra. In un primo processo, nei confronti dei corresponsabili privati ma non di quelli pubblici, è emerso pure che parte dei rifiuti tossici di San Rocco venivano scaricati alle Noghere (ancora!) ed altrove.

 

ETICA AMBIENTALE

ETICA NATURALISTICA  IL CASO DEL BUTTERFLY WEDDING  ED ALCUNE QUESTIONI FONDAMENTALI 1. FATTO Un’impresa commerciale pubblicizza ed attua la spedizione a pagamento in Italia ed all’estero di farfalle nostrali ed esotiche vive, immobilizzate in buste e da liberare nell’ambiente per festeggiamenti; afferma che questa pratica ha valore ambientale, educativo ed estetico …

PIANO TERRITORIALE REGIONALE: CHIESTO L’INTERVENTO DELLA CORTE DEI CONTI

Trieste, 1 settembre 2010 Greenaction Transnational ha presentato un esposto alla Corte dei Conti in merito alla mancata approvazione del Piano Territoriale Regionale da parte della Regione Friuli Venezia Giulia. Il Piano Territoriale Regionale, strumento di indirizzo urbanistico che detta le regole a cui si devono adeguare i Comuni nella …

CONTRIBUTI E CLIENTELE

LO SCANDALO DEI FINANZIAMENTI ALLE ASSOCIAZIONI Greenaction Transnational ha presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Trieste e alla Corte dei Conti del Friuli Venezia Giulia sul nuovo scandalo dei contributi concessi dal Comune di Trieste in forma clientelare alle associazioni di volontariato di gradimento dell’amministrazione pubblica. L’assegnazione dei …

COSA CAPITA IN ITALIA AI CITTADINI CHE SI APPELLANO ALLA LEGALITÀ

Trieste: nuova sentenza di condanna civile per gli ambientalisti che “non piacciono” alla Mafia. Nuova pesante condanna civile per gli ambientalisti dell’ex gruppo locale degli Amici della Terra Trieste*. La pena è stata loro inflitta dal giudice Monica Pacilio del tribunale di Trieste che ha rigettato il loro ricorso contro …